Psoriasi: oggi è più facile curarla

La psoriasi è una malattia cutanea di natura cronica che colpisce il nostro corpo per svariate ragioni. Tra le maggiori cause vi sono lo stress, l’ambiente, ma anche componenti genetiche e familiari. Nel corso degli ultimi anni la  medicina ha condotto importanti ricerche connesse a questo tema, dando maggiore dignità e interesse all’impatto della malattia sul corpo, ma anche sulla mente. Per questo prendere atto degli effetti della psoriasi è fondamentale, così come diffonderne notizie ed eventuali cure attraverso i giusti canali.

 

La psoriasi coinvolge sia corpo che mente

Il nome psoriasi deriva dal greco “psora” (squama), poiché colpisce la pelle attraverso una serie di infiammazioni cutanee localizzate ricoperte da squame, che tendono a provocare prurito sulle zone maggiormente soggette a questo fenomeno, ovvero gomiti, cuoio capelluto e ginocchia. Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato la psoriasi come una malattia cronica non trasmissibile, escludendone gli effetti di contagio e incentivando gli stati membri a compiere seri avanzamenti nel campo della ricerca medico-scientifica ad essa applicata. Da ciò sono nati interessanti studi che la riguardano, sia per le sue caratteristiche infiammatorie e croniche, ma anche per il decisivo e forse meno conosciuto impatto psico-sociale verso chi ne è affetto. La psoriasi, a causa dei sintomi descritti, che in molti casi tendono ad essere molto visibili, può condizionare seriamente le scelte relazionali e lavorative dei soggetti colpiti, i quali in molti casi si trovano in grande disagio sia nella sfera affettiva che in quella lavorativa. Prenderne atto, creando specifici percorsi  pensati per la prevenzione fisica e psichica è senza dubbio importante.

Per quanto cronica, la psoriasi, se curata attraverso la giusta terapia può essere sottoposta  a lunghi periodi di regressione che determinano la diminuzione del prurito e della desquamazione cutanea.  Per questo motivo è importante tenersi sempre aggiornati su quelli che sono gli sviluppi che caratterizzano la malattia e che possono risultare utili e in certi casi decisivi per ridurne i sintomi.

 

La giornata mondiale della psoriasi

Proprio oggi è la giornata mondiale della psoriasi, un importante evento  che testimonia i grandi passi in avanti mossi dalla medicina fino ad oggi nel campo della ricerca scientifica. La psoriasi non può più essere sottovalutata, in gran parte per le motivazioni che abbiamo visto, ma anche perché gli italiani ad esserne colpiti sono circa 3 milioni, un numero che deve farci riflettere sulla sua importanza. Risulta quindi essenziale delineare i percorsi di sviluppo che accompagnano il paziente a prendere consapevolezza del suo stato di salute, ma anche di quelli che sono i migliori rimedi legati alla psoriasi. Su questa scia Repubblica ha deciso di concorrere in modo decisivo, sviluppando importanti canali conoscitivi legati a questa malattia. nasce così Psoline, un network ricco di utili notizie correlate a questo tema nelle sue molteplici declinazioni. Al suo interno verranno pubblicati interessanti contributi basati su preziosi consigli forniti da medici specializzati, indispensabili per tutti coloro che giornalmente combattono con i sintomi della psoriasi. Le news saranno di natura medica, legate quindi a sintomi e cure specifiche, ma anche connesse ad altri ambiti come la dieta e i giusti cibi più adatti per alleviare i sintomi della malattia. Tra le altre tematiche vi saranno anche gli utilissimi consigli di coloro che hanno saputo ricostruirsi una vita, sconfiggendo il forte impatto emotivo e psicologico della psoriasi. Saranno proprio le loro storie a fare la differenza, aiutando chi ancora ha grosse difficoltà a riguardo e gestire al meglio le proprie emozioni e la vita di tutti i giorni nella piena serenità, convivendo con questa malattia.

 

Per ulteriori informazioni in merito a questa tematica ti rimandiamo a questi articoli:

https://bit.ly/2OWB8vz

https://bit.ly/2CJlb4x

 

Facebook
Twitter
LINKEDIN